Posted in Featured Informazione medico scientifica Microbiota

La bocca: una finestra sulla nostra salute

Biologo e Dottore di Ricerca in Biologia Molecolare e Cellulare, dopo alcuni anni di ricerca di base e applicata nelle Università di Parma e Pavia ho iniziato a lavorare per una grande multinazionale americana produttrice di strumentazione di ricerca e diagnostica che ha fornito, ai consorzi pubblico e privato, i sequenziatori di DNA che hanno permesso il sequenziamento del primo genoma umano. Dopo quasi 20 anni nel settore "Life Science" come specialista applicativo e poi come responsabile scientifico e marketing di team internazionali ho voluto mettere a disposizione le mie conoscenze per rendere più comprensibile il cambiamento del mondo della diagnostica e come questo è influenzato dalla ricerca.
La bocca: una finestra sulla nostra salute Posted on Maggio 30, 2018Leave a comment
Biologo e Dottore di Ricerca in Biologia Molecolare e Cellulare, dopo alcuni anni di ricerca di base e applicata nelle Università di Parma e Pavia ho iniziato a lavorare per una grande multinazionale americana produttrice di strumentazione di ricerca e diagnostica che ha fornito, ai consorzi pubblico e privato, i sequenziatori di DNA che hanno permesso il sequenziamento del primo genoma umano. Dopo quasi 20 anni nel settore "Life Science" come specialista applicativo e poi come responsabile scientifico e marketing di team internazionali ho voluto mettere a disposizione le mie conoscenze per rendere più comprensibile il cambiamento del mondo della diagnostica e come questo è influenzato dalla ricerca.

Sappiamo tutti che lavarci i denti dopo ogni pasto è una sana abitudine che previene la formazione delle carie e del tartaro. Recentemente, è stato provato che questa pratica quotidiana ci può proteggere da molto più che un mal di denti.

Un ricercatore neozelandese, il dottor Seymour, è stato tra i primi nel 2007 a dire che non si può avere una buona salute generale senza una buona salute orale. Ma perché solo poco più di dieci anni fa sono state fatte queste correlazioni? Essenzialmente perché, pur essendo l’odontoiatria una branca della medicina, ne è completamente staccata o meglio ne era, in quanto ora sono sempre maggiori gli studi che vengono fatti in associazione tra l’odontoiatria e altre discipline come ad esempio l’ortopedia. Ma torniamo al nostro dottor Seymour. Nel suo articolo apparso sul Clinical Microbiology Infectious, ci informa che nonostante già dai tempi di Ippocrate ci fossero dei sospetti di correlazione tra le infezioni della bocca (gengiviti e parodontiti) e le malattie così dette sistemiche, ovvero una malattia che può colpire più organi, nessuno aveva mai fatto degli studi approfonditi.

Vediamo allora cosa hanno portato questi studi.

Cominciamo con il dire che nella nostra cavità orale sono ospitati circa 500 specie di microorganismi che compongono il microbioma della bocca (per maggiori informazioni sul microbioma potete leggere l’articolo che ho pubblicato su questo sito il 16 Maggio https://science4life.it/2018/05/microbioma/). L’igiene orale influenza significativamente la quantità e qualità dei microorganismi, così come anche la formazione della placca. Tra l’altro, sembra che la placca non sia così nociva come si credeva e in certi casi possa aiutare la mineralizzazione dei denti e ridurre l’esposizione agli acidi ma questo non è l’argomento dell’articolo, perciò torniamo alle malattie sistemiche.

Arterosclerosi: è stata accertata la correlazione tra la cattiva igiene orale e la maggiore probabilità di infarto o di attacchi cerebrovascolari. Perciò, ora oltre al diabete, l’elevato tasso di colesterolo, l’ipertensione e il fumo, dobbiamo fare attenzione anche a come ci laviamo i denti!

https://www.microbiologiaitalia.it/2018/01/16/che-legame-esiste-tra-i-batteri-della-bocca-e-le-malattie-cardiovascolari/

Malattie polmonari: in questo caso la correlazione può risultare più ovvia in quanto dalla bocca passa l’aria che entra nei polmoni, quindi se ci sono batteri nocivi nella nostra bocca potrebbero raggiungere i polmoni. Gli studi che sono stati fatti, hanno dimostrato un altro aspetto forse meno ovvio, ovvero la correlazione tra l’insorgenza delle malattie polmonari in soggetti intubati o sottoposti a ventilazione forzata. Quanti di noi hanno mai pensato che un macchinario che tiene in vita somministrando ossigeno possa anche essere la causa indiretta di una infezione polmonare?

https://www.medicinalive.com/il-nostro-corpo/organi-interni/malattie-polmonari-prevenzione-igiene-dentale/

Diabete mellito: in questo caso parliamo di effetto bi-direzionale, ovvero l’iperglicemia influenza negativamente la salute dentale e la paradontite può influenzare negativamente il controllo della glicemia. I diabetici hanno un rischio di paradontite tre volte superiore a quello di un individuo sano.

https://www.angolodeldiabetico.it/diabete-igiene-orale-prendersi-cura-dei-propri-denti/

Gravidanza: non è certo una malattia sistemica, anzi non è proprio una malattia ma ci sono degli effetti molto interessanti che si sviluppano in questo particolare periodo nella donna. Durante la gravidanza avvengono innanzi tutto dei cambiamenti nelle gengive che sono associati ai livelli di estrogeno e progesterone. Questi cambiamenti ormonali causano dilatazione capillare con conseguente ipertrofia delle gengive e infiammazione. Di conseguenza ci sono cambiamenti nella composizione della flora batterica orale che possono influenzare delle malattie sistemiche che possono originare anche l’interruzione della gravidanza. E’ stato accertato che la presenza di malattie periodontali nella madre aumentano il rischio di interruzione di gravidanza di oltre sette volte.

http://www.my-personaltrainer.it/salute/salute-orale-gravidanza.html

Concludendo è sempre più affascinante quanto sia complesso il nostro organismo e quante relazioni esistano tra i nostri organi e l’ambiente. L’approccio specialistico non può più esimersi dalla multidisciplinarietà e da un approccio olistico alla malattia.

Di nuovo prevenzione è la parola chiave per stare in salute e in questo caso si tratta di una pratica semplice, la buona igiene del cavo orale!

Biologo e Dottore di Ricerca in Biologia Molecolare e Cellulare, dopo alcuni anni di ricerca di base e applicata nelle Università di Parma e Pavia ho iniziato a lavorare per una grande multinazionale americana produttrice di strumentazione di ricerca e diagnostica che ha fornito, ai consorzi pubblico e privato, i sequenziatori di DNA che hanno permesso il sequenziamento del primo genoma umano. Dopo quasi 20 anni nel settore "Life Science" come specialista applicativo e poi come responsabile scientifico e marketing di team internazionali ho voluto mettere a disposizione le mie conoscenze per rendere più comprensibile il cambiamento del mondo della diagnostica e come questo è influenzato dalla ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *