La settimana scorsa è entrata l’estate e con lei ufficialmente anche il caldo e la nuova frutta di stagione. Vediamo che cosa possiamo mettere nel carrello della spesa sperando che abbia fatto poca strada prima di arrivare al supermercato o dal nostro fruttivendolo di fiducia.

I migliori frutti “estivi” sono: ALBICOCCHE, BANANE, CILIEGIE, FRAGOLE, LIMONI, LAMPONI, KIWI, MIRTILLI, NESPOLE, PERE, PESCHE, e SUSINE.

Tutti questi frutti sono buonissimi e non devono mancare sulla tavola almeno un paio di giorni alla settimana a rotazione. Vorremmo spendere però alcune parole sulla fragola.

Le fragole: un frutto unico con altissimo potere antiossidante e tanta vitamina C

E’ un frutto che ha tante caratteristiche interessanti a partire dal fatto che ha un altissimo potere antiossidante e un ricco contenuto di vitamina C rispetto agli agrumi, perciò, una volta terminata la stagione di arance e mandarini è un ottimo sostitutivo di questi agrumi. E’ anche indicata per combattere il colesterolo e quindi ha potenzialmente un effetto preventivo nei confronti delle malattie cardiovascolari. L’acido salicilico (ricordiamo che è il principio attivo dell’aspirina), aiuta a mantenere sotto controllo la pressione e a tenere fluido il sangue e quindi anche questa molecola aiuta nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

E’ un frutto che contiene molta acqua e quindi è anche dissetante. Contiene un po’ di zucchero, oltre 5 grammi per 100 grammi di frutto, ma non è tra i più dolci, infatti non ci sono indicazioni negative per la sua assunzione anche in soggetti diabetici (glicemia e frutta). Vale comunque sempre il detto: il troppo stroppia, ovvero anche il cibo migliore se consumato in eccesso può avere degli effetti indesiderati.

Le fragole sono molto utilizzate anche in cucina e qui potete trovare alcune ricette dolci senza dimenticare che le fragole sono ottime anche sul risotto o nell’insalata con qualche goccia di aceto balsamico.

Infine un paio di raccomandazioni:

  • Attenzione alla zona di provenienza della frutta che stiamo acquistando, per ridurre inquinamento da trasporto sarebbe meglio che provenisse da zone limitrofe a quella di messa in commercio, il così detto km 0 sarebbe il massimo!
  • A volte si potrebbe essere allergici a qualche molecola presente nella frutta, per fortuna i casi sono rari ma le fragole sono tra i frutti che possono causare allergie, soprattutto nei bambini (leggi qui per approfondimento).

 

Previous articleOrigine delle allergie alimentari: è l’intestino il responsabile?
Next articleQuanto sono pericolose le zecche?
I've always been passionate about science and have a Degree in Biological Sciences and a PhD in Molecular and Cellular Biology. After six years of basic and applied research, I joined the company that provided the DNA sequencers that led Celera Genomics to complete the sequencing of the first human genome shortly before the same result was achieved by the "Human Genome Project" international public consortium. Subsequently, I became interested in human and animal diagnostics, and the development of molecular techniques from research-to-clinic. Science4Life represents the next stage of my personal journey, a stage in which I will make my experience and knowledge accessible to everyone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here