Stile di vita Life 120, una promessa di benessere per tutti, proposte di marketing accattivanti e slogan popolari

Da alcuni mesi è salito alla ribalta un nuovo “guru” delle diete, Adriano Panzironi. In realtà è presente sul mercato da diversi anni ma il grande raduno che ha organizzato nello scorso Luglio all’EUR ha attirato l’attenzione dei mass media, compresa Barbara d’Urso che lo ha invitato recentemente alla sua trasmissione.

In cosa consiste lo stile di vita Life 120?

Si basa sull’abbandono della dieta mediterranea a favore della così detta paleo-dieta (leggere qui per approfondimenti). Ovvero impone la forte limitazione dei carboidrati, l’eliminazione completa degli alimenti raffinati e l’incremento dell’apporto di proteine e grassi. Inoltre, suggerisce un consumo molto limitato della frutta, a causa del contenuto zuccherino, e sconsiglia l’utilizzo di verdure con fibre insolubili. Altri cibi da eliminare, secondo lo stile di vita Life 120, sarebbero i legumi, tuberi, cereali e riso. Latte, formaggi, yogurt e sale sarebbero da consumare in quantità minima.

In aggiunta alla dieta, Panzironi consiglia una moderata attività fisica, non solo di tipo aerobico (corsa leggera ad esempio) ma anche l’utilizzo di piccoli pesi e infine l’uso di integratori alimentari di cui parlerò più nel dettaglio più avanti.

Che cosa promette lo stile di vita Life 120?

A parte di vivere fino a 120 anni, promette di dimagrire, ma anche di eliminare emicrania, dolori ai denti, diabete e addirittura tumori e malattie degenerative come Alzheimer, Parkinson e il morbo di Crohn.

Niente male! E pensare che schiere di medici, biologi, chimici, studiano da secoli i motivi dell’insorgere delle malattie e le possibili terapie utilizzabili e per molte delle malattie elencate poche righe sopra non ci sono ancora soluzioni scientificamente approvate.

Ho usato il termine “scientificamente”, perché lo stile di vita Life 120 di scientifico non ha nulla. E’ ovvio che se sono in sovrappeso, mangio male, non faccio attività fisica, applicare lo stile di vita Life 120 mi porterà dei giovamenti ma alla lunga mi creerà anche degli scompensi metabolici. Inoltre, non tiene in considerazione quanto questa dieta possa influenzare uno stato patologico preesistente senza un adeguato controllo medico. Un’ultima riflessione è sul grande consumo di carne che consiglia: sappiamo bene che gli allevamenti intensivi, l’uso di antibiotici e steroidi negli animali, portano sulle nostre tavole una carne che non è totalmente sana ma questo, secondo Panzironi, passa in secondo piano rispetto all’uso dei carboidrati. Ma non è tutto.

Il metodo Panzironi, richiede anche la massiccia assunzione di integratori. Ed è lo stesso Panzironi che ammette che gli integratori sono necessari in quanto la dieta da lui consigliata non fornisce tutti gli elementi necessari! La sua giustificazione è perchè gli alimenti non contengono tutti i micronutrienti necessari! Allora mi verrebbe da dire: perché non consiglia nella sua “dieta” gli alimenti naturali che mancano invece di dare degli integratori? Il dubbio si dilegua quando si fanno i conti di quanto costano gli integratori consigliati e ovviamente commercializzati sotto il marchio Life 120. Il costo è di circa 250 euro al mese!

Ma che cosa contengono questi miracolosi integratori?

Principalmente vitamine, minerali, aminoacidi, antiossidanti, omega 3 e spezie. In genere la comunità scientifica è d’accordo sull’integrazione dell’alimentazione con tutti questi elementi ma in maniera periodica e non continua e soprattutto nella quantità che il corpo è in grado di metabolizzare. Infatti, andando a leggere le indicazioni scritte sugli integratori Life 120, le quantità somministrate sono superiori a quelle assimilabili dal nostro organismo, cosa ne consegue? Nella migliore delle ipotesi una eliminazione degli elementi in eccesso attraverso le urine e le feci, nella peggiore delle ipotesi un sovraccarico dei reni con conseguente sofferenza dell’organo. Se poi analizziamo nel dettaglio uno di questi integratori, ad esempio Orac Spice, vediamo che contiene solo spezie, sulle cui proprietà terapeutiche esistono solo le tradizioni popolari e nessuna base scientifica. Andiamo a vedere quante compresse sono consigliate. 175 al mese! Ovvero una media di 5 al giorno al costo di 39,90 euro. E siamo solo a uno degli integratori.

Nella lunga lista di integratori che vengono consigliati, dobbiamo annoverare anche altri prodotti come il Frio Palm Oil, ovvero l’olio di palma che secondo la dieta Life 120 dovrebbe essere utilizzato per friggere. Tuttavia, nei suoi libri, Panzironi, sconsiglia di friggere gli alimenti, una piccola contraddizione? Non è la sola, visto che consiglia anche l’uso del suo miracoloso latte, Milk Life, che prevede l’aggiunta di panna, cosa inutile e non certa benefica in una dieta che promette di far vivere 120 anni (qui una descrizione dettagliata dei prodotti Life 120).

Ci sono vari segnali che dovrebbero metterci in guardia quando ci troviamo di fronte a questi metodi “miracolosi”. Provo a riassumerli:

  • Il messaggio complottistico – vi dico una verità che nessuno vuole dirvi, in questo caso i medici, perché scardinerebbe i fondamenti della medicina.
  • Il messaggio sensazionalistico – rivoluzionerò la medicina.
  • Il messaggio per tutti – con questa dieta tutti staranno meglio.

Per quanto riguarda il “messaggio complottistico”, si basa sul fatto che tutti i medici sono corrotti e le farmaceutiche ci vogliono malati perché una persona malata è un paziente che compra medicine. Teoria molto debole, poiché è impossibile che tutti i medici siano corrotti e poi da chi e in quale modo? Esistono molteplici enti governativi e indipendenti che controllano l’operato delle case farmaceutiche, tutelano la salute e i diritti dei cittadini. Inoltre, gli stessi medici fanno parte di associazioni che investono parte del loro tempo facendo ricerca su nuove e vecchie terapie per minimizzare gli effetti collaterali e aumentare la precisione e la personalizzazione delle cure (leggi qui per approfondimenti). Life 120 va esattamente nel senso opposto proponendo una cura per tutti.

A proposito del “messaggio sensazionalistico”. Dimenticavo di dire che Panzironi non è un medico. È un giornalista e tra l’altro è stato sospeso dall’Ordine dei Giornalisti del Lazio per la sua attività al limite tra informazioni e pubblicità (dei suoi integratori). L’Ordine dei Medici ha sporto denuncia nei suo confronti per abuso della professione medica, poiché Panzironi ha divulgato regimi alimentari mai convalidati da esperti del settore e perché “prescrive” integratori senza averne la facoltà. Nel 2018 l’Antitrust ha sanzionato Panzironi per 426 mila euro poiché la sua trasmissione televisiva “Il Cerca Salute” è stata ritenuta una televendita dei suoi prodotti e non una trasmissione informativa. Anche l’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle COMunicazioni) ha multato per 264 mila euro la società di Panzironi per aver trasmesso informazioni pubblicitarie potenzialmente lesive della salute degli utenti. Infine, Panzironi è stato multato per altri 150 mila euro per aver presentato come miracolosi i suoi integratori, descrivendoli con caratteristiche e benefici curativi, senza alcun fondamento scientifico.

Per quanto riguarda invece il “messaggio per tutti”, Life 120 è venduto come uno stile di vita che va bene a tutti, indipendentemente dai disturbi di cui si soffre. Funziona perché le prove a sostegno dell’efficacia si trovano nelle dichiarazioni entusiaste di chi afferma di sentirsi meglio. Un po’ pochino per dire che sia un metodo scientifico e soprattutto non ci sono dati sul lungo periodo.

Un ulteriore spunto di riflessione è dato dal fatto che “Il cerca salute”, trasmissione in onda sul Life 120 channel, dichiara di essere una trasmissione di informazione scientifica sulla salute. La cosa interessante è che il canale televisivo e la trasmissione sono di proprietà di Panzironi che commenta esclusivamente dei video di medici e quindi non c’è nessuno che possa replicare alle sue argomentazioni. Inoltre, per aumentare la sua credibilità, Panzironi si presenta indossando una giacca da cabaret con lustrini!

In conclusione, una corretta alimentazione e una moderata attività fisica sono principi base per rimanere in salute. Tuttavia, diffidate da chi vi propone scorciatoie e vi promette di guarirvi da malattie per le quali milioni di medici e ricercatori in tutto il mondo sta ancora cercando la cura ma soprattutto l’origine. Affidatevi a un esperto di nutrizione prima di intraprendere una qualsiasi dieta e consultatene più di uno, perché l’esperienza e la sensibilità del professionista sono fondamentali per trovare la giusta terapia. Assumere in modo eccessivo o carente determinati nutrienti, può creare scompensi che si vedono solo sul lungo periodo e poi sono difficili da recuperare. Informatevi su chi vi somministra la dieta. In un articolo precedente (leggi qui), scrivevo che un giorno verremo curati da Google Doctor ma non è ancora giunto quel momento e soprattutto diffidate da chi la laurea in medicina o biologia l’ha presa su Wikipedia!

Articolo precedenteMedicina personalizzata…si può fare!
Articolo successivoReflusso gastrico, dispepsia e cambi di stagione
Biologo e Dottore di Ricerca in Biologia Molecolare e Cellulare, dopo alcuni anni di ricerca di base e applicata nelle Università di Parma e Pavia ho iniziato a lavorare per una grande multinazionale americana produttrice di strumentazione di ricerca e diagnostica che ha fornito, ai consorzi pubblico e privato, i sequenziatori di DNA che hanno permesso il sequenziamento del primo genoma umano. Dopo quasi 20 anni nel settore "Life Science" come specialista applicativo e poi come responsabile scientifico e marketing di team internazionali ho voluto mettere a disposizione le mie conoscenze per rendere più comprensibile il cambiamento del mondo della diagnostica e come questo è influenzato dalla ricerca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui