Riepiloghiamo quali sono le norme igieniche che dobbiamo osservare per proteggerci e proteggere le persone intorno a noi dalla diffusione del Covid-19.

Poiché non ci sono al momento vaccini disponibili e i farmaci sono ancora in fase di sperimentazione o di test, la cosa migliore da fare è prevenire l’infezione.

Come si diffonde il virus?

Si trasmette da persona a persona e quindi è bene osservare una distanza di almeno un metro con chi ci è vicino, meglio 4 metri se ci è possibile.

Si trasmette attraverso le goccioline di saliva o di muco che si diffondono con uno sternuto o un colpo di tosse.

Queste goccioline potrebbero essere direttamente inalate o depositarsi sulla bocca della persona che abbiamo vicino, oppure potrebbero depositarsi sulle superfici. Toccando le superfici entro un determinato tempo (vedi qui per ulteriori informazioni) e poi portandosi le mani alla bocca o al naso si rischia di contrarre l’infezione.

Come proteggersi?

Lavandosi spesso le mani con acqua e sapone, almeno per 20 secondi, con maggiore cura se ci si trova in luoghi pubblici dove è maggiore la probabilità di essere in un ambiente meno igienico, ad esempio bagni dell’autogrill (per chi viaggia per lavoro) o dei supermercati. E’ consigliato lavarsi le mani anche quando a starnutire siamo noi stessi perché potremmo essere asintomatici ma questo non vuol dire che non possiamo trasmettere il virus alle persone vicine a noi.

Se non si ha a disposizione acqua e sapone, si può utilizzare l’amuchina. Se però non la si ha disposizione, si può usare un detergente che contenga almeno il 60% di alcool.

Se proprio non ci si può lavare le mani con nulla, è meglio non toccarsi il viso con le mani.

Evitare contatti con le persone contagiate. Se non ne potete fare a meno perché si tratta di un vostro familiare che dovete accudire o con il quale semplicemente condividete gli spazi, fate indossare alla persona malata la mascherina e indossatela anche voi, meglio se è una mascherina ffp2 o ffp3. Indossate anche dei guanti, vanno benissimo quelli in lattice che si trovano nei supermercati o in farmacia, non devono essere sterili ma si devono cambiare spesso per evitare di spargere il virus sulle superfici intorno a voi.

Sempre nel caso in cui ci si deve prendere cura di persone contagiate da Covid-19, si consiglia di arieggiare la stanza frequentemente (ogni due ore nei momenti più cadi della giornata) e di lavare lenzuola e federe a temperature superiori ai 60 gradi centigradi. Le lenzuola non dovrebbero essere agitate prima di metterle in lavatrice per evitare la dispersione del coronavirus. Stessa cosa per gli asciugamani e i tovaglioli di stoffa.

Cosa fare se siamo infettati?

Ovviamente queste regole valgono qualora l’infezione non sia tale da necessitare un ricovero.

  • Stiamo a casa e seguiamo i consigli del medico per la terapia.
  • Cerchiamo nei limiti del possibile di auto-isolarci in casa dagli altri componenti della famiglia.
  • Indossiamo la mascherina e i guanti quando ci muoviamo negli ambienti comuni.
  • Laviamo spesso le superfici intorno a noi con alcool o amuchina. Anche se non le tocchiamo le goccioline dello starnuto o della tosse potrebbero depositarsi anche a 2 metri di distanza.

Le regole base su come sternutire

Anche se pensiamo di non essere infettati da Covid-19, è buona norma sternutire o tossire in un fazzoletto usa e getta che deve poi essere buttato in un cestino e quindi lavarsi le mani. Se non si ha a disposizione un fazzoletto o non si fa in tempo a prenderlo, è consigliato sternutire o tossire nell’incavo del gomito in modo da non contaminare le mani.

Non è necessario coprirsi il viso con una mascherina (a meno che non ci si stia prendendo cura di una persona malata), è fortemente consigliato solo per le persone che sono infettate. Purtroppo, la disponibilità delle mascherine è limitata e si deve dare la precedenza alle persone che sono infette e agli operatori sanitari.

Guardate questo video su come lavarsi le mani correttamente

This post is also available in: English

Previous articleCoronavirus: quanto sopravvive sulle superfici?
Next articleCoronavirus: il nuovo modulo per l’autocertificazione
I've always been passionate about science and have a Degree in Biological Sciences and a PhD in Molecular and Cellular Biology. After six years of basic and applied research, I joined the company that provided the DNA sequencers that led Celera Genomics to complete the sequencing of the first human genome shortly before the same result was achieved by the "Human Genome Project" international public consortium. Subsequently, I became interested in human and animal diagnostics, and the development of molecular techniques from research-to-clinic. Science4Life represents the next stage of my personal journey, a stage in which I will make my experience and knowledge accessible to everyone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here